Associazione Avvocati Amministrativisti Veneto Associazione Veneta degli Avvocati Amministrativisti
Cerca >> 
 Ultimo aggiornamento del sito: mercoled√¨ 17 maggio 2017
Home arrow Giustizia Amministrativa arrow Contributi arrow LO VUOLE L'EUROPA!
Home
Associazione
Elenco associati
Seminari
Contattaci
Documenti
Links
Conferenze ed eventi
modulo iscrizione
Amministratore
LO VUOLE L'EUROPA! PDF Stampa E-mail
domenica 29 dicembre 2013

di Francesco Volpe 

 

Quante nostre riforme sono state assunte "perché lo vuole l'Europa" o perché "è così in tutti gli altri Stati europei"?
 
Ebbene, ecco un altro esempio da imitare: l'art. 128 della legge finanziaria per il 2014 (legge 29 dicembre 2013, 2013-1278), in fase di approvazione nella vicina e civilissima Francia.

 

Ivi si dice, infatti: "L’article 1635 bis Q du code général des impôts est abrogé à compter du 1er janvier 2014". 

 
Non credo che sia necessaria alcuna traduzione.

 

Ma i più diffidenti chiederanno che cosa mai stabilisse quell'art. 1635 bis Q dell'indigeno codice delle imposte.

 

Semplicissimo. Era la disposizione, risalente ad una riforma del 2011, che aveva  introdotto il cosiddetto "timbre fiscal", per proporre un'azione davanti al giudice civile o davanti a quello amministrativo.
 
In effetti, fino al 2011, l'accesso alla giustizia, in Francia, era gratuito. Dopo di allora, chi voleva far causa doveva pagare un contributo unificato assai cospicuo: 35 euro per il primo grado, 150 euro per l'appello. Si, avete letto bene le cifre: "trentacinque" e "centocinquanta". Importi ben diversi dai 650  euro di contributo che, in Italia, si pagano per  un ricorso ordinario al T.A.R. o dai  975 per l'appello a Palazzo Spada. Somme ancor più bagatellari se confrontate ai 6.000 euro che, in Italia, sono dovuti per un contenzioso in materia di appalti in primo grado (ma in appello sono 9.000).

 

La riforma francese del 2011 venne ritenuta, tuttavia, assai odiosa; essa sollevò più di qualche malumore.

 

Di qui la decisione di sopprimere il timbre fiscal. Decisione, peraltro, preannunciata fin dallo scorso 23 luglio 2013, quando, sul sito del ministero della Giustizia, apparve questo comunicato stampa, a nome del titolare del dicastero:

 

"L’instauration par le précédent gouvernement de la contribution pour l’aide juridique de 35 €, exigible pour chaque instance, pour financer l’aide juridictionnelle a eu pour conséquence de pénaliser les justiciables les plus vulnérables.

En rendant payant l’accès au juge pour des revenus inférieurs au seuil de pauvreté, ce timbre de 35 € a entraîné une restriction incontestable de leur accès à la justice, en dépit des cas d’exemption dont était assortie la contribution pour l’aide juridique.

Les contentieux du travail, de la famille, du logement et les contentieux administratifs ont été particulièrement affectés.

La Garde des sceaux entend recréer le lien entre le justiciable et l’institution judiciaire, par une justice de proximité accessible au plus grand nombre, dans l’ensemble de nos juridictions".

 

Ebbene, cosa aspettiamo noi italiani? Dopo tante leggi importate dagli altri Stati europei, perché non copiare anche questa? 

 

Europa è bello!  

 

 
 

 

Ultimo aggiornamento ( lunedì 30 dicembre 2013 )
 
< Prec.   Pros. >
Contenuti Multimediali
Associazione Avvocati Amministrativisti del Veneto tutti i diritti riservati